MISTERI e SEGRETI dal MONDO

Se reputi questo sito interessante, condividilo. ACCESSO MENU ARTICOLI con tasto nero a righe bianche ⬇️

MISTERI e SEGRETI dal MONDO

Se reputi questo sito interessante, condividilo. ACCESSO MENU ARTICOLI con tasto nero a righe bianche ⬇️

Un passato tenuto sepolto dalla Scienza ufficiale...

(Cliccare sulle immagini per le note ed i commenti se si legge dal PC) 

 

" ESISTE DI OGNI STORIA SEMPRE QUELLA UFFICIALE IMPOSTA, MA NE ESISTE SEMPRE UNA UFFICIOSA E SPESSE VOLTE E' QUEST'ULTIMA QUELLA VERA "

 

Quando si tratta questo argomento la prima cosa da fare è di non confondersi con il "gigantismo" che è una rara malattia che fortunatamente colpisce pochissime persone al mondo. Esso è dovuto all'alterazione della funzionalità della ghiandola pituitaria e di conseguenza l'individuo affetto è soggetto ad una eccessiva dose di ormoni della crescita. Nella maggior parte dei casi questi individui soffrono per la loro condizione di diversità avendo problemi complessi dal relazionarsi a una salute molto piu' cagionevole.

 

Ma ora torniamo a noi...

 

Oggi il mondo sta volutamente dimenticando una parte importantissima della sua storia.

La scuola insegna l'evoluzionismo, si parla di specie e di razze e si tace sulla piu' grande realtà comprovata che ci accomuna tutti noi miliardi di individui. In un tempo lontano uomini e giganti convissero. Questa forte affermazione è avvalorata da praticamente tutti i testi antichi ritrovati e spazia fino ai giorni nostri, persino in letteratura. Premetto che da sempre esiste l'emulazione e il plagio nell'essere umano, ma personalmente credo sia difficilissimo trovare il filo che lega queste testimonianze fra civiltà distanti nel tempo o allo stesso, ma che non si conoscevano fra loro.

Inizierò analizzando ovviamente la nostra Bibbia, o meglio la Torah e l'antico testamento. Frammenti di testi in aramaico antico vengono studiati da millenni. Consiglio per chi dovesse trovare questo articolo interessante di leggere alcuni libri o seguire le conferenze o i video di un grandissimo studioso italiano della Bibbia: Mauro Biglino. In maniera controcorrente, avendo studiato le lingue antiche, presenta aspetti della Bibbia che ovviamente le edizioni moderne con traduzioni non del tutto corrette, fuorviiano i fedeli e le masse.

 

" C'erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo – Quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell'antichità, uomini famosi. "

 

Bene. Oggi accenneremo di conseguenza alla possibilità evolutiva parallela a quella ufficiale in cui ci vede discendenti da scimmie. L'essere umano in questo pianeta potrebbe essere stato creato innestando a uomini primitivi del dna da parte di dei arrivati dal cielo. Non temo di nominarli per quel che sono: gli extraterrestri. L'ipotesi di questa teoria degli antichi astronauti (del resto raffigurati chiaramente in pitture rupestri in diverse parti del mondo) che sta prendendo piede fra accademici e ricercatori negli ultimi decenni trova riscontro ad esempio fra i romanzi di David Childress o del compianto Zecharia Sitchin. Non dimentichiamo di citare anche i libri di Erich Von Daninken che narrano di tutti i misteri archeologici delle tappe di gran parte della sua vita per il mondo. Aggiungiamogli le ricerche attuali dell' avventuriero Giorgio A. Tsoukalos che anche lui ripercorre le tappe e segue i lavori nei siti archeologici ma in maniera più moderna e social e vedremo che i conti quadreranno.

Parleremo quindi di come sulla terra, convissero appunto razze cosi diverse tra loro e contemporaneamente. Questa possibile verità ovviamente non viene avvalorata dal sistema, dai deep states. Alla fine capiremo insieme il perchè. La Genesi è un testo immenso, in tutte le sue sezioni di parla dei " NEPHILIM " o giganti. Essi sono figli di "angeli" caduti o vigilanti del popolo umano, caduti appunto in disgrazia per essere stati in disaccordo con gli dei creatori del mondo e per essersi accoppiati con gli umani. Gli umani dovevano essere solo schiavi ed ubbidienti nei confronti degli dei. Ovviamente vi sono testimonianza anche di scontri fra giganti ed esseri umani. Prendiamo per esempio il Tanach dove viene narrato lo scontro fra Davide e il filisteo Golyath vicino all'attuale Libano, o come riporta la Haggadala, la storia del gigante Og che si salva dal diluvio universale aggrappandosi all'Arca, la stessa Arca di Noè ovviamente che sopravvisse all'ira di Dio e dovette ricostruire l'umanità corrotta e violenta, un'umanità creata poco tempo prima... La civiltà dei sumeri nelle loro difficilissime incisioni cuneiformi, rappresentano ed adorano gli Anunnaki, razza aliena scesa sulla terra all'alba dei tempi per migliorare la vita e il sapere dell'uomo. Fu grazie a loro che imparammo l'astronomia, la medicina rudimentale, l'estrazione di metalli preziosi quali oro e argento.

Gli Anunnaki furono violenti ma crearono le basi di una moderna società. Troviamo traccia di questi indottrinamenti e migliorie anche in antichi testi indiani e non solo. I giganti esistirono. Questa assurda verità trova riscontro in tutte le strutture megalitiche sparse per il mondo. Opere di dimensioni spropositate per l'altezza media dell'uomo di quell'epoca, misurata in media di 150 cm. Pensiamo alla Sfinge e le Piramidi, pensiamo ai Moai nell'isola di Pasqua, o ai megaliti di Baalbek, ma anche ai semplici Nuraghi Sardi di 4000 anni fa. Pietre e materiali di svariate tonnellate spostate da alcune decine di giganti e non da migliaia di uomini sembrano essere una risposta logica e sensata. Alcune civiltà ci indicano persino il punto nella galassia da dove arrivarono questi genitori antichi a modificarci e insegnarci ad essere più che semplici cacciatori primitivi. Nibiru (oggi la NASA e l'ESA lo chiamano Planet X) e la costellazione di Orione, che guarda caso è il punto esatto dove le Piramidi di Giza vi sono perfettamente allineate. Se proseguiamo, troviamo riscontro sul tema dei Giganti nella mitologia greca. La tremenda violenza degli dei dell'Olimpo contro questi erormi e potenti esseri (la titanomachia). Parlo della detronizzazione di Urano, la violenza di Crono contro suo padre e le vicende che portarono Zeus alla vincita gloriosa, lui unico fra tutti gli Dei. Il panorama mitologico del mediterraneo è pieno di altri riferimenti. Pensiamo a Polifemo contro l'arguzia di Ulisse, pensiamo all'orripilante minotauro contro Minosse. Persino la storia dell'antico glorioso impero romano, rimescolato da tradizioni, culture e ricordi etruschi, ricorda i ciclopi sardi e i lestrigoni siciliani in annali e lettere sparse. Nel nord europa vi sono riscontri nelle culture dei britanni (un esempio la storia del gigante Finn MacCool che costruì la giant's causeway per potersi sfidare con un altro gigante scozzese, un tale Benandonner) ma anche nelle meglio conosciute culture norrene. Dico meglio conosciute perchè la Marvel Studios se avete notato ha riscosso un enorme successo di recente con i suoi film, di cui su Thor, dio del tuono, figlio di Odino. Bene, per gli scandinavi antichi esistevano i Totunn, giganti fortissimi e bruttissimi di una violenza inaudita. Essi erano in guerra con gli Dei antichi fondatori dell'umanità. Lo stesso Thor viene narrato nei loro testi, combatteva contro di essi proteggendo l'umanità. Altre prove le troviamo nei barbari germanici, basta cercare in bibblioteca i testi sulle cronache del gigante Tannachel per esempio. E cosi via fino al medioevo. Cronache medievali raccontano che l'imperatore Massimiliano sconfisse un gigante dell'Odenwald in un torneo di sfide a Worms, città vicina al Reno. Ora mi chiederete... e citazioni e testi a parte, dove sono le prove? Abbiamo riferimenti ad Agrigento dove nel 1807 un certo capitano della marina britannica, tale James Allen, rinvenne resti di scheletri umani alti più di tre metri vicino al porto e in un complesso minerario sulfureo della zona. Il famoso capitano Cook, in uno dei suoi viaggi scrisse sul giornale di bordo di addirittura due razze di giganti che trovò in Patagonia. Scritti simili avvennero da parte di sir Thomas Cavendish e nel 1524 anche il nostro geologo Antonio Pigafetta, che si imbarcò con Magellano per la missione di circumnavigare il globo, descrisse di giganti che ballavano nudi nelle terre della Patagonia. In un simpatico veneto rinascimentale li descrisse cosi:

 

«Essendo l’inverno le navi intrarono in uno bon porto per invernarse. Quivi stessemo dui mesi senza vedere persona alcuna. Un dì a l’improvviso vedessemo un uomo, de statura de gigante, che stava nudo ne la riva del porto, ballando, cantando e buttandose polvere sovra la testa. […] Questo era tanto grande che li davamo alla cintura e ben disposto: aveva la faccia grande e dipinta intorno de rosso e intorno li occhi de giallo, con due cuori dipinti in mezzo delle galte»

 

Durante le avventure e le scoperte dei secoli XXVII e XXVIII gli scritti sono innumerevoli, non voglio tediarvi con altri esempi. Veniamo a tempi più moderni... 1912. Un team di archeologi vicino al lago Delavan nel Winsconsin, portò alla luce piu' di 200 tumuli di una cultura nativa e preistorica americana (cultura WOODLAND). Essi ritrovarono 18 scheletri di uomini alti circa 3 metri. La scopertà affascinò la stampa e la società benestante dell'epoca. Se ne parlò addirittura nel NewYork Times, come svariate altre volte a cavallo fra il 1800 e il 1900 dove altri resti di umani giganti vennero ritrovati a seguito di lavori di edilizia. Cito ad esempio il 1868 quando il giorno di Natale lo stesso NYT diede la notizia del ritrovamento di uno scheletro fuori dal comune da parte di operai che scavavano per costruire una diga idroelettrica lungo il Missisippi. Altro esempio è sempre quello del NYT del 1871 quando altri scheletri di giganti vennero ritrovati a seguito di lavori per la costruzione di una ferrovia a Petersburg in Virginia e altri esempi... Poi arrivò la prima guerra mondiale tutto ciò venne oscurato da problemi ben più gravi... Negli anni venti e trenta le ricerche proseguirono, come in molti altri ambiti. Nel 1935 Ralph Von Koenigswald trovò un dente di 2,5 cm li larghezza di lato in una strana farmacia di Hong Kong durante un suo viaggio. Calcolò e affermò dovesse trattarsi di un reperto umano di un essere alto più di tre metri e con un peso di diversi quintali. Come vedete a volte la storia che ci insegnano a scuola o nella vita, non viene proprio narrata tutta. Alcune storie potrebbero mettere in crisi colonne portanti di credo attuali ormai affermati e stabilizzati. Dimentichiamo che la storia è soggetta a continue mutazioni per nuove scoperte rivoluzionarie ma anche per "abbellimenti e modifiche" nei testi da generazione in generazione. Basta anche solo evidenziare alcuni aspetti tralasciandone degli altri. Ecco che una nuova generazione verrà formata con dei credo leggermente diversi da quella precedente. Ecco la teoria dei cambiamenti step by step. Piano piano... Eppure di siti archelogici ve ne sono nel mondo... Ritrovamenti in Cina, in Africa e persino in Australia, sono la testimonianza del fatto che c'è un grosso buco nelle teorie che spiegano l'evoluzione della specie Homo (Qui vediamo un'impronta umana gigante e il dott. Rex Gillroy coautore del libro URU – The lost civilisation of Australia) Secondo alcuni teorici della cospirazione, esiste un grandissimo coverup su tali verità da sempre. Il prestigioso Smithsonian Institute, ammette l'esistenza di un piano assurdo che da decenni distrugge prove storiche scomode. Esiste un sistema che minaccia pesantemente i ricercatori, le loro vite, i loro fondi, il loro lavoro. Eppure qualcosa è trapelato ed è finito sotto i riflettori del Congresso e della giustizia.

Nel 2015 la Corte Suprema degli Stati Uniti con una sentenza obbligò tale ente a divulgare ogni testo e ogni ricerca taciuta su tale argomento. Eppure la silenziosa censura prosegue in tutto il mondo. TV e giornali non accennano a questi fatti ancora oggi. Il direttore AIAA Hans Guttenberg all'epoca rilasciò un commento ad un'intervista...

 

"Finalmente dopo oltre un secolo di menzogne, la verità sui nostri antenati giganti è stata rivelata al mondo"

 

Immaginiamo se dei ricercatori potessero viaggiare spensierati per i monti urali, raccogliere prove e richiedere interviste. Ovviamente la censura russa agirebbe all'istante. Putroppo il sistema di oggi per influenzare le masse si è dotato dell'arma "like" e del "dislike" ove nella giungla di internet, chiunque, anche il più famoso e brillante ricercatore e scienziato può essere infangato da chiunque apra un account nei social. La gente comune ovviamente poi crede più facilmente in uno scandalo artificiosamente costruito ad hoc e nemmeno poi dimostrato, rispetto al peso di una vita di dure ricerche e sacrifici. Persino la Chiesa non si scomoda per provare a spiegare questa verità. Credo quindi vi sia, sempre stato l'interesse di descrivere e far credere che siamo uno scherzo, una mera e casuale evoluzione piena di difetti e peccati. E la scienza osservativa deduttivista darwiniana ci ha spiegato che l'uomo è il discendente migliorato e adattato nel tempo dei primati, delle scimmie. NO! Forse una nuova tesi avvalorata nei prossimi anni prenderà piede e verrà riconosciuta. Quella che siamo esseri unici e speciali, creati dal divino per essere liberi e non schiavi a vita. Si perchè se in passato vi fu una schivitu fisica mostruosa, oggi essa si sta trasformando in mentale. Osservate qui sotto un frame da una pellicola giapponese prima della guerra...

Non si tratta di un fotomontaggio. Gli ultimissimi giganti credo siano stati segretamente cercati e uccisi in missioni top secret in questi ultimi anni.

 

Anche in Sardegna ne furono rinvenuti e fatti sparire.

Copiate questo link sul vostro browser. 

http://www.sardegnasotterranea.org/il-mistero-scheletri-giganti-in-sardegna-fatti-sparire-da-pauli-arbarei/

 

Termino come al solito con una mia riflessione, la stessa del principio di questo articolo...

 

 

" ESISTE DI OGNI STORIA SEMPRE QUELLA UFFICIALE IMPOSTA, MA NE ESISTE SEMPRE UNA UFFICIOSA E SPESSE VOLTE E' QUEST'ULTIMA QUELLA VERA. "

 

Consiglio lettura collegata articoli GENESI UMANA, PALEOCONTATTO E ARCHEOASTRONOMIA nella sezione "Misteri Passato" 

 

Simone MERLO

luglio/agosto 2019

 

CLICCATE SULLE IMMAGINI...