MISTERI e SEGRETI dal MONDO

Se reputi questo sito interessante, condividilo. ACCESSO MENU ARTICOLI con tasto nero a righe bianche ⬇️

MISTERI e SEGRETI dal MONDO

Se reputi questo sito interessante, condividilo. ACCESSO MENU ARTICOLI con tasto nero a righe bianche ⬇️

Tesla nel suo laboratorio seduto tranquillo vicino ad una gabbia a torre che imbriglia un'enorme potenza elettrica pari a quella dei fulmini in un temporale (miliardi di Joule)

Nikola Tesla (1856 - 1943) Inventore, fisico, ingegnere elettrico. Scoprì l'energia libera, illimitata e gratuita e tanto altro, ma i suoi progetti vennero sabotati più volte e bloccati...

Il genio incompreso che tentò di cambiare il mondo...

La scoperta della corrente elettrica è molto più antica di quanto immaginiamo... Nella storia moderna illustri personaggi la studiarono e la descrissero. Qualcuno tentò di replicarla (Alessandro Volta), altri ne scoprirono l'esistenza biochimica negli esseri viventi (Luigi Galvani), altri condussero esperimenti per catturarla dai fulmini e proteggerci da essi (Benjamin Franklin) 

Poi arrivò un uomo, che seppe padroneggiarla e ricrearla come per magia... Nikola Tesla

Fu uno scienziato rivoluzionario a cavallo fra il 1800 e 1900. Alcuni  suoi progetti sono tutt'oggi secretati e custoditi dall'FBI perché vanno contro il sistema consumistico-capitalista, radicato ormai da  decenni nella nostra civiltà sprecona e ipocrita. Condusse una grande sfida con il celebre Thomas Alva Edison per la decisione su come distribuire l'energia elettrica nei tempi in cui il mondo cercava di capire se fosse meglio quella continua o alternata... Edison, viene ricordato più di frequente, a mio avviso solo per questione di fortuna e di abilità commerciale, esattamente come Alexander Graaham Bell fece contro vari rivali tra cui Antonio Meucci, nel realizzare il primo telefono funzionante. 

Oggi Tesla viene studiato solo a livello accademico o per passione di ricerca indipendente. La sua fama pare sia  stata oscurata da potenti concorrenti e solo in questi ultimi anni viene nuovamente apprezzato con documentari dedicati, mostre, libri e film. 

A lui sono dedicati L'ELEKTROTECHNIKAI MUZEUM di Budapest e mostre itineranti in tutto il mondo. Ad ottobre di quest'anno viene ospitata a Milano come unica tappa italiana da non perdere. 

A lui si deve tutto ciò che oggi è stato sviluppato e prodotto in ambito elettrico civile ed industriale. Egli durante tutta la sua vita studiò l'impedenza elettrica, i campi elettrostatici, la telegeodinamica. Catalogò gli impulsi, le frequenze e le scariche elettriche. Inventò iniettori, turbine, compressori e strumenti per emissioni di grandi campi magnetici (il famoso raggio della morte riprodotto in Italia da Guglielmo Marconi forse fu uno di questi) 

Creò apparecchi per scariche ad alta tensione, sistemi polifase e addirittura sistemi per aeromobili a decollo verticale vtol che oggi sono realtà in campo militare. Inventò la prima lampadina fosforescenti senza fili, lampadine ancora prodotte oggi! 

Ma ora cerchiamo di conoscere chi fu davvero Nikola Tesla...

Di origini croate, nacque durante l'impero austroungarico e fu un giovane con una memoria prodigiosa e un acume senza limiti. Lavorò spostandosi in Europa ricoprendo ruoli prestigiosi dopo la laurea, poi emigrò negli Usa dove rivoluzionò motori elettrici e inventò strumenti eccezionali per conto di prestigiose imprese emergenti nel settore elettrico fra cui la Edison. A lui dobbiamo ben 280 brevetti in tutto il mondo. Nella sua vita  ossessionata da studi e ricerche, dovette scontrarsi con Galileo Ferraris e  lo stesso Thomas Edison, per il quale lavorò per diverso tempo ma fu sfruttato lavorativamente (questi inizialmente  fu affascinato dal potenziale di Tesla affidandogli progetti importanti, ma ben presto gli tolse gli incarichi per rivalità affidandogli lavori umili fra cui anche scavare fossati per le condotte elettriche)

Tesla non si scoraggiò. Continuo a fare dimostrazioni, studiare ed inventare. Egli anticipò di diversi anni i lavori sulle trasmissioni radio di Guglielmo Marconi, lavori poi riconosciuti solo dopo la sua morte. Più volte nella sua vita arrivò all'apice di notorietà e successo a fasi alternate di bancarotta, per sostenere cause legali contro lo stesso G. Marconi e per gli incidenti che distrussero i suoi lavori e i suoi laboratori. Qualcuno gli mise più volte i bastoni fra le ruote, sabotando i suoi esperimenti. Tuttavia egli creò motori ad induzione usati ancora oggi (i famosi inverter), studiò i raggi X, applicò le radiofrequenze a controllo remoto, inventò la famosa Bobina di Tesla in grado di catturare energia libera nell'atmosfera, lavorò alla superconduttività, studiò le frequenze e la luce in ambito fisico quantistico e si impegnò notevolmente sulla trasmissione di segnali di potenza senza fili (oggi il wi-fi si basa su questo)

Dopo anni di esperimenti e show pubblici, dichiarò appunto che la Terra e la sua atmosfera possiedono un'energia illimitata in grado se imbrigliata, di essere trasmessa gratuitamente a tutti i popoli, in tutte le nazioni. Grazie a J, P. Morgan e G. Westinghouse e ai loro finanziamenti, poté estendere a tutto campo le sue ricerche seppur con mille difficoltà in un'epoca di forte competizione scientifica, attraversata da guerre mondiali, e dalla crisi economica. Ma già nel 1899 iniziò ad essere famoso e temuto per la dimostrazione di un grandioso esperimento sulla propagazione elettrica senza fili... Costruì un'antenna trasmettitore e ricevente alta 60 metri sul suo laboratorio di Colorado Springs.

Tutti gli abitanti poterono osservare l’enorme e strana antenna che terminava con un globo di ferro. Molti sono stati i testimoni che videro accendersi 200 lampadine senza collegamento di fili elettrici a 40 Km di distanza. Un esperimento così unico e particolare con quell’antenna che resterà per sempre nella storia della nostra civiltà: un fulmine uscì dal globo di ferro in cima all’antenna, crebbe di dimensioni fino a diventare un globo elettrico. Esso mandava verso il cielo lampi scoppiettanti di lunghezza ben oltre i 50 metri. La zona fu pervasa da rombi di tuono e l’erba assunse il colore di un verde brillante come se ci fosse fosforescenza. Il fatto più traumatico sicuramente fu quello sopportato dagli abitanti, i quali, camminando nelle strade, vedevano sprizzare scintille elettriche che dai loro piedi finivano sul selciato. I testimoni rimasero stupiti e impauriti da tale potere. Inoltre fu l'unico in grado di riprodurre un sole artificiale, come un fulmine globulare e di starsene beatamente tranquillo a leggere  in laboratorio (foto inizio capitolo). Tesla era ossessionato dal Sole, dalle potenzialità che poteva offrire, forse anche per questo entrò in contrasto con altri scienziati sovvenzionati da lobbies per mantenere i segreti del Sole come tali. 

 

In un'intervista rilasciata nel 1926 al reporter statunitense J.B. Kennedy, fece riferimento a un dispositivo che somiglia in modo impressionante agli attuali smartphone. Ecco un estratto, riproposto dal Time: " Quando la telefonia senza fili sarà perfettamente applicata, l'intera Terra si trasformerà in un enorme cervello, quale di fatto è. Saremo in grado di comunicare l'uno con l'altro in modo istantaneo, indipendentemente dalla distanza. Non solo, ma attraverso la televisione e la telefonia riusciremo a vederci e sentirci esattamente come se ci trovassimo faccia a faccia, anche se lontani migliaia di chilometri; e gli strumenti che ci permetteranno di fare ciò saranno incredibilmente semplici, in confronto al telefono che usiamo ora. Un uomo sarà capace di tenerli nel taschino del gilet " Anche se Nikola Tesla credeva profondamente che il progresso intenso come bene per l'umanità fosse utile, ma la tecnologia non sempre e non altrettanto.

 

Tesla viene considerato un genio e visionario come Leonardo da Vinci. Spesso viene "glissato" dai programmi scolastici purtroppo... Fu temuto e rovinato all'epoca per le sue idee rivoluzionarie forse dalla massoneria, dalla politica o dalla rivalità di colleghi senza scrupoli. Si costruirono attorno a lui negli ultimi anni di vita, anche cattive dicerie riguardanti la follia, l'infermità mentale e di ossessioni compulsive. Egli lavorò fino in vecchiaia a progetti top secret come l'antigravità, al famoso raggio della morte (testato tra l'altro nel 1936 sull'autostrada Roma-Ostia dal team del rivale on. Marconi per volere di Mussolini) fino a scontrarsi con Einstein di cui riteneva le sue teorie, solo appunto "teorie". I due scienziati si scrissero diverse volte sul tema materia-energia nell'universo. Tesla alla fine liquidò il collega tedesco con questa Lettera...

 

«Io continuo a ritenere che lo spazio non possa essere curvo, per il semplice fatto che esso non può avere proprietà. Sarebbe come affermare che Dio abbia delle proprietà. Egli ha solo attributi di nostra invenzione. Di proprietà si può parlare solo per la materia che riempie lo spazio. Dire che in presenza di corpi enormi lo spazio diventa curvo è equivalente ad affermare che qualcosa possa agire sul niente. Io mi rifiuto di sottoscrivere un simile modo di vedere... »

 

Tesla continuò a studiare a tutto campo e ipotizzò come le forze elettriche e magnetiche potessero distorcere, o addirittura modificare, il tempo e lo spazio e studiò procedure con le quali controllare tali energie. Verso la fine della vita rimase affascinato dalla teoria secondo cui la luce è formata sia da particelle elementari sia da onde, un postulato fondamentale della fisica quantistica. Queste ricerche lo portarono a ideare un "muro di luce", manipolando le onde elettromagnetiche. Questo misterioso muro di luce avrebbe consentito di alterare lo spazio, la gravità e la materia; da questo nacquero una serie di progetti di Tesla che sembrano usciti direttamente dalla fantascienza, come il teletrasporto, il viaggio nel tempo e la propulsione antigravità. Elaborò un progetto che andò perso per comunicare con lo spazio ed eventuali forme di vita lontane e una speciale macchina in grado di essere telepatica, cioè di leggere nel pensiero.  Ideò un UFO (forse lo stesso che segretamente i governi svilupparono negli anni a venire per contrastare eventuali attacchi alieni dallo spazio). Inoltre dichiarò che le piramidi egizie fungevano da super conduttore di energia elettrica, grazie alle sommità d'oro che furono rimosse nel tempo. Questa teoria viene riaffermata oggi da famosi egittologi

(vedi capitolo ELETTRICITÀ EGIZIA)

Molti progetti e bozze come questi ultimi sparirono o vennero occultati da potenti lobbies per fini militari e di intelligence. Oggi conosciamo solo alcuni lavori di Tesla, solo quelli che ci vogliono far sapere e di cui si può sfruttare il potenziale economico. 

Nel 1937 ricevette una prestigiosa onorificenza dal governo cecoslovacco. L'Europa stava per cadere nel baratro... 

Tesla durante questi ultimi anni di vecchiaia in America, venne additato quasi come un pazzo. Fu spiato e controllato da un Sistema impaurito dal suo potenziale intellettuale infinito. Ricordiamoci che gli Usa si tuffarono nella seconda guerra mondiale e avevano paura che progetti e invenzioni recenti finissero nelle mani avversarie. Ridotto sul lastrico per mancanza di fondi dovuti alla grande depressione di pochi anni prima, un premio Nobel mancato per un soffio, le spese alte per sostenere cause legali, lo portarono a vendere gran parte dei suoi laboratori. Tutto ciò lo segnò profondamente. All'inizio degli anni '40, di tanto in tanto rilasciava qualche intervista, ma passava gran parte del tempo chiuso a studiare o al parco a nutrire i piccioni. Aveva comportamenti bizzarri: spesse volte camminava più volte intorno agli isolati e parlava da solo. Era ossessionato dal numero 3 e suoi multipli. Non si sa se sono dicerie per screditarlo o se il suo genio, a fine vita, iniziò a rasentare la follia per davvero. 

Fattosta che un fatidico giorno, il 7 gennaio 1943, egli fu trovato morto nella sua camera 3327 del New Yorker Hotel a NYC all'età di 87 anni. Le indagini furono subito chiuse come possibile suicidio, ma ancora oggi si dibatte sulla possibilità che fu assassinato perché stava organizzando in quei giorni un'ultima intervista esclusiva sulle sue ultimissime scoperte libere per il mondo. Egli fino alla fine credette di dover lasciare all'umanità, un'eredità di libere invenzioni utili. Invenzioni incomprese all'epoca, di sicuro utili per il futuro. Quel giorno la sua camera fu messa a soqquadro. La cassaforte fu trovata forzata e vuota, il suo cadavere sul letto. I suoi ultimi progetti li possiede oggi l'FBI in un dossier chiamato "PROJECT NICK" Altri fascicoli importanti vennero però trafugati quel giorno. L'ipotesi del suicidio non resse a lungo, tuttavia la polizia archiviò il caso comunque per paura di  uno scandalo politico. Oggi saltano fuori altre verità e i conti potrebbero tornare... Spie naziste soffocarono Tesla ormai vecchio per impadronirsi di possibili risorse, per una possibile svolta di salvezza al Reich ormai in declino. La guardia del corpo personale di Adolf Hitler, tale Otto Skorzeny, in missione a New York proprio in quelle settimane, potrebbe essere stato l'assassino... 

Cosa ci lasciò Tesla in eredità? 

Oggi ognuno di noi, quando utilizza un semplice telecomando a infrarossi o a radiofrequenza non sa che dietro ci fu il suo genio. E nemmeno nel quotidiano, nel lavare i panni in una lavabiancheria con motore ad induzione a magneti permanenti. E mille altre oggetti più o meno conosciuti che ci accompagnano ogni giorno o con cui lavoriamo. 

 

 

Museo Tesla a Budapest dove riposano le sue ceneri.

Statue in suo onore

Alcuni invenzioni...

Bibliografia, Filmografia e Dedica...

Nikola Tesla scrisse nel un'autobiografia, ancora oggi poco conosciuta ma  comunque reperibile per gli interessati, anche su Amazon. La prima pagina inizia cosi:

 

"Mi chiamarono pazzo nel 1896 quando annunciai la scoperta dei raggi cosmici. Ripetutamente si presero gioco di me e poi, anni dopo, hanno visto che avevo ragione. Ora presumo che la storia si ripeterà quando affermo che ho scoperto una fonte di energia finora sconosciuta, un’ energia senza limiti, che può essere incanalata... "

Oserei nel mio piccolo aggiungere che l'energia del sole avrebbe sostituito la ricerca nucleare e la combustione fossile e di gas per sempre. La somma di nucleare, metano e petrolio utilizzato e che utilizzeremo sarebbe come una goccia in una vasca piena di acqua. 

Di Tesla abbiamo numerose tracce e testi scritti personalmente e svariati testi di autori  (es. Marco Pizzuti, Massimo Teodorani e Robert Lomas) che cercarono di far chiarezza sul suo operato e di riportare alla luce le sue scoperte rivoluzionarie. Oggi Tesla è tra l'altro il nome scelto dal CEO Elon Musk per la sua industria di auto elettriche, forse ad omaggio di questo genio. D'altronde il voler rivoluzionare i trasporti da combustione classica ad energia, deve superare gli sforzi opposti dei ricchi petrolieri... 

Il grande schermo l'ha omaggiato più volte recentemente. 

 

1980, "il segreto di Nikola Tesla" bellissimo film poco conosciuto. 

2006 "the Prestige" interpretato dal compianto David Bowie e affiancato da Hugh Jackman.

2015 "Tower to the People", docu-film sulla WardenClyffe Tower esistita a Shoreham, NYC, ex proprietà di Tesla. 

2017 "Edison, l'uomo che illuminò il mondo" film che evidenzia le rivalità tra un grande imprenditore e un grande Inventore con Benedict Cumberbatch e Michael Shannon. 

 

OGNI VOLTA CHE ALZIAMO GLI OCCHI AL CIELO, PENSIAMO ANCHE A LUI... 

LASSÙ NELL'ATMOSFERA ESISTE UN'ENERGIA ILLIMITATA E NATURALE, A DISPOSIZIONE DI TUTTI NOI. UN'ENERGIA PURA, DA LUI SCOPERTA, IMBRIGLIATA E DIMOSTRATA AL MONDO IN SHOW PUBBLICI. EPPURE I MAGNATI DELL'INDUSTRIA ELETTRICA, DEI COMBUSTIBILI FOSSILI E CHISSÀ CHI ALTRO, NON PERMETTE LO STUDIO E LO SVILUPPO NEMMENO AL GIORNO D'OGGI... PERCHÉ?! 

Mi piace immaginare che il suo intelletto e la sua anima fluittuino in mezzo all'aurora boreale per sempre... 

 

 

L'imprenditore Thomas Alva Edison, grande rivale di Nikola Tesla, produttore della lampadina ad incandescenza. Registrò a suo nome ben 1.093 brevetti e istituì la più grande industria elettrica e cinematografica dell'epoca. (1847-1931) Diede lavori sottopagati a Tesla e si rifiutò di studiare e realizzare i suoi progetti, concentrandosi sulla corrente continua.

Una bellissima raccolta di foto negli anni con alcune invenzioni straordinarie...

La fotografia mostra una lampada a incandescenza illuminata da onde trasmesse attraverso una bobina senza condensatore. Tesla, rara foto sul finire del 1800...

Le sue ceneri riposano in un'urna dorata nel suo Museo di Budapest. Tesla in una foto d'epoca che fa illuminare una lampadina senza fili. Infine la mia speranza per l'umanità... Il suo genio nell'aurora boreale...

Il sogno continua...

 

Guardiamoci attorno. Ovunque intorno a noi è vincolato all'uso di energia elettrica. Viene creata da molteplici trasformazioni inquinanti. Se non possedessimo l'energia, o ci mancasse all'improvviso, il mondo retrocederebbe alla barbarie medioevale. Ci sarebbe panico, caos, isterismi di massa e milioni e milioni di morti già nel primo giorno per incidenti lavorativi o di trasporto.

Eppure più di cento anni fa, Nikola Tesla come già detto, scoprì e dimostrò come imbrigliare gratuitamente ed in maniera pulita, l'energia  perché presente ovunque a poche decine di chilometri sopra le nostre teste. Energia elettromagnetica infinita creata dalla nostra Terra. Un giovane ragazzo americano di nome Max Loughan, seguendo gli studi di Tesla, ha riprodotto una Bobina di Tesla perfettamente funzionante in grado di catturare energia dall'etere e convertirla in corrente continua. Con pochissimo materiale ed in maniera semplicissima! Il sogno continua... Speriamo che i soliti poteri forti non intervengano subito a bloccare questa giovane mente audace... 

In bocca al lupo ragazzo! Il mondo ha così tanto bisogno di spiriti come il tuo! 

 

 

 

Simone Merlo 

ottobre 2019 

 

 

Max Loughan nello scantinato di casa sua

Dal canale XAOV traduzione Dino Tinelli