MISTERI e SEGRETI dal MONDO

MENU ARGOMENTI tasto nero ⬇️

MISTERI e SEGRETI dal MONDO

MENU ARGOMENTI tasto nero ⬇️

LE VERITA' FANNO SEMPRE MOLTO MALE, MA SEMPRE MENO DELLE MENZOGNE ...

FIRMAMENTO: IL CALEIDOSCOPIO PROTETTIVO SOPRA DI NOI

La Stella Polare. Una costante fissa che non ruota con le altre nel firmamento. Indica il Polo Nord magnetico. L'altezza sull'orizzonte della Stella polare dipende dalla latitudine dell'osservatore. Al polo nord la Polare si trova allo Zenith, che è il punto più alto del cielo sopra la testa dell'osservatore; all'equatore si trova all'orizzonte, quindi non è praticamente visibile, mentre alla latitudine di Milano, che si trova a metà strada tra il polo e l'equatore, la Polare si trova a metà altezza tra l'orizzonte e lo Zenith. Qualche grado più in basso se la si osserva da Roma (circa 42°), e ancora più in basso da Palermo (circa 38°) Questa visione prospettica, indica ancora una volta come la Terra sia ferma nell'universo e piana. In base alla presunta curvatura terrestre dichiarata, non sarebbe possibile osservare la Stella Polare da tutto il mondo. In certe località si osserva ad occhio nudo, se non visibile, la si vede comunque individuandola con un telescopio.

Fenomeno delle stelle cadenti. Perseidi, Geminidi, Quadrantidi e fenomeni rari e occasionali. Le nane rosse, blu, le supernova. Quanto distano realmente? La stella Polare è fissa, ne nascono e ne vengono nominate di nuove ogni anno. Molte si esauriscono, esplodono, altre cadono come fossero dei meteoriti. Nemmeno la moderna astronomia, dotata della più avanzata tecnologia, riesce a spiegare in maniera soddisfacente la molteplicità dei fenomeni celesti.

Vicino al circolo polare artico il Sole non tramonta mai del tutto. Questa è una prova che la Terra non ruota completamente su stessa. In realtà, non ruota proprio. E le stelle del firmamento? Le stelle circumpolari sono quelle che - dato il luogo di osservazione - risultano sempre sopra l'orizzonte. Non sorgono e non tramontano mai.

Dal canale di Kasus Pathos

Prove evidenti dimostrano ancora una volta che quanto ci viene insegnato e dichiarato dalle fonti ufficiali, non sempre corrisponde a realtà e verità. A voi le conclusioni...

Dal canale Kasus Pathos

In questo video, osservazioni notturne e riflessioni. Le stelle non sono lontane nello spazio, non sono cronologicamente indietro nel tempo come dichiarato ma soprattutto non sono composte di materiale solido roccioso...

CODICI CIFRATI - SEGNALI DI COMUNICAZIONE

 

------ Da qualche parte nel mondo, scienziati studiano i segnali radio, le emissioni di frequenze sonore e gli impulsi generati da chissà che cosa nello spazio. Il rumore di sottofondo dell'universo o potenziali forme di comunicazione di altre civiltà extraterrestri. ------

Le stelle che osserviamo paiono tremare nella notte

La loro vibrazione luminosa è spiegata come effetto della turbolenza atmosferica data dalle diverse temperature degli strati d'aria, più o meno fredda e dalla densità. (tutte tranne la STELLA POLARE

Da tempo mi interrogo se mai qualche scienziato stia studiando segretamente la possibilità che tale fenomeno conduca ad un effetto di trasmissione voluta da qualcuno o qualcosa nei nostri confronti. 

Intendo dire che tale pulsare possa essere decodificato come un codice binario che tradotto, abbia un significato particolare per noi. O che sia una sorta di trasmissione rapida tipo codice Morse ... 

 

Stelle CADENTI, Stelle FISSE. Osservazioni

 

PARTE TUTTO DA LORO

Dalle nostre stelle, le " lampadine " ecologiche e naturali che illuminano le nostre notti. E ogni tanto qualcuna si scarica e precipita... 

Si, avete capito bene... 

Chiudiamo gli occhi. Stiamo rilassati ed in pace con noi stessi. Concentriamoci sui nostri sensi. Acuiamo l'istinto e la ragione...

Non percepiamo nessun movimento terrestre. Riapriamo gli occhi... Siamo difronte ad un piccolo lago di montagna. Tutto è calmo e placido. Osserviamo il cielo. Di giorno vediamo il Sole correre e ripercorrere lo stesso giro. Di notte osserviamo la Luna e le stelle che danzano sopra le nostre teste. 

Eppure ci insegnano fin da piccoli che siamo noi a muoverci e tutto lassu' è fermo ... Dobbiamo però essere consci del fatto che pur imparando la teoria eliocentrica ufficializzata, possiamo e dobbiamo ragionare con la nostra testa. Soprattutto dobbiamo credere in NOI STESSI e nella nostra POTENZIALITA' INTELLETTIVA.

Solo dopo attente analisi, osservazioni e ricerche personali, sceglieremo se credere nella NOSTRA realtà o in QUELLA imposta da qualcun altro per noi.

Gli studi di una vita di illustri scienziati quali Copernico, Newton ed Einstein avvalorarono e spiegarono con teorie deduttivistiche l'eliocentrismo. Oggi la massa si fida dei propri occhi. Il Sistema preconfezionato di informazione controllata ci bombarda di foto e video da telescopi, satelliti e sonde per ribadirci costantemente quanto siamo una palla rotante e casuale nell'universo. 

Pochi si interrogano se ciò che ci viene mostrato sia verità o costruzione.

Trovate spiegazioni negli articoli di questa sezione Pianeta Terra, Luna Irraggiungibile,  Sole Invictus, Voli Transoceanici, Mappe AZIMUTALI, Marconi e Piccard, Osservazioni Nostre e per Voi, Gravità Zero, NASA e ESA hoax, NASA e ISS fake. 

 

Individuazione della Stella Polare

La cupola atmosferica elettromagnetica che ci avvolge, protegge e ci blocca qui, nella nostra realtà statica e tranquilla. Sole, Luna e Stelle danzano nel firmamento a poche decine di chilometri dalle nostre teste... E' questo il MODELLO concettualmente e progettualmente perfetto e vivibile. Altrimenti la vita non sarebbe possibile

Eclisse totale è un'altra prova tangibile di quanto siano vicini a noi nella nostra atmosfera. Indica inoltre che Sole e Luna nel loro percorso a velocità appena diversa si incrociano dimostrando di essere della stessa dimensione e con la stessa traiettoria. Impossibile sarebbe tale fenomeno se ci fidiamo dell'eliocentrismo. Un enorme Sole a 159 milioni di chilometri verrebbe coperto proporzionalmente da una Luna ben più piccola della Terra e vicina 358,000 km? Una proporzionalità e casualità di misure impossibili.

L'antico libro del profeta Enoch. Un antichissimo testo che la Chiesa disconosce fra altri Vangeli gnostici. Nell'antico Testamento Enoch fu insieme a Mosé e Noé, uno dei pochi uomini degni che sono potuti salire vivi nel cielo per ottenere spiegazioni dal Creatore e ritornare in Terra a diffondere la Verità sul Mondo protetto dalla volta celeste (LA CUPOLA) che ci separa dalle acque di sopra e di sotto. Un mondo piano, fermo e stabile. Dal Medioevo e sopratutto nel Rinascimento venne disconosciuto a fronte della Rivoluzione copernicana e della volontà di annichilire la figura dell'uomo rispetto a Dio. La Chiesa essendosi professata ispiratrice di Dio in Terra, ha così potuto elevarsi al di sopra delle masse dominandole mentalmente.

1632. Dopo anni di calcoli e osservazioni celesti tramite l'invenzione del cannocchiale, Galileo cercò di mitigare il rapporto tra scienza e religione spiegando che i due sistemi non dovevano per forza competere, erano due visioni intellettualmente plausibili. Accusato di eresia, subì un processo dall'Inquisizione e fu obbligato a far marcia indietro onde evitare il carcere duro. All'epoca, nonostante il suo acume matematico intellettuale, diede fastidio ai seguaci delle teorie aristoteliche e alla presa di posizione di altri scienziati subordinati alla Chiesa cattolica.

Tycho Brahe, emerito astronomo danese, sul finire del '500 spiegò l' universo in una intermediazione fra i sistemi tolemaico e eliocentrico.Nel modello ticonico la Terra era immobile, al centro di un universo racchiuso dalla sfera delle stelle fisse. La Terra era il centro anche delle orbite della Luna e del Sole che, a sua volta, era il centro delle orbite degli altri 5 pianeti allora conosciuti (Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno)

"La movimentazione dei corpi celesti" 1543 Niccolò Copernico. La TERRA venne classificata come un qualsiasi altro corpo celeste in movimentazione attorno al Sole in orbite regolari e non ellittiche. Fu una semplificazione per rappresentare l'universo e fissare una teoria per chiudere il dibattito eliocentrico-geocentrico che angustiava astronomi e studiosi fin dall'antichità. Corretto o meno, questo viene insegnato. Una cultura democratica, sana e completa dovrebbe assicurare ai giovani studenti anche tesi e teorie contrapposte e offrire l'opportunità di scelta in cosa credere liberamente. Putroppo è un'utopia poichè l'informazione è standardizzata in protocolli e sapere che deve uniforme.

Albert Einstein formulò la relatività ristretta nel 1906 e la relatività generale nel 1915 per spiegare l'interazione fra spazio e materia nel tempo. Deduzioni allargate alla spiegazione eliocentrica per evindenziarla e rafforzarla nuovamente. la gravità non è una forza a distanza che si esercita tra corpi situati in uno spazio euclideo vuoto, quanto la manifestazione della geometria dello spazio-tempo. Nonostante ciò, osservazioni a occhio nudo o con telescopi amatoriali, osservazioni con i sensi e palloni sonda privati lanciati a 40 km di altitudine, evidenziano invece una Terra ferma e piatta con Sole e Luna entro la nostra atmosfera. Einstein inglobò l'eliocentrismo come per un sillogismo aristotelico. Sommando deduzioni sui principi di propagazione e velocità della luce, delle teorie newtoniane, dello spazio e tempo concluse che l'universo fosse regolato da quest'unica legge: LA RELATIVITA' GENERALE. Noi studiamo ed accettiamo tutto ciò peccando di presunzione. Le leggi dell'universo sono molteplici ed imprevedibili. Dipende sempre se e come si vuol vedere il bicchiere (mezzo pieno o mezzo vuoto)

COPERNICO, NEWTON, EINSTEIN. Questi i nomi dei tre famosi cani dello scienziato "Doc" Emmett Brown, nella triologia di Ritorno al Futuro, regia di Zemeckis/Spielberg. Una coincidenza o un significato occulto? Il paragone dei cani muti, intelligenti, ma non come gli esseri umani potrebbe essere visto come una critica ai famosi tre scienziati del passato che fecero di tutto per imporre la teoria eliocentrica fortemente voluta dalla Chiesa Cattolica per facilitare calcoli astronomici difficilmente spiegabili (rivoluzioni e declinazioni dei corpi celesti) e per reprimere volontà, coscienza e ragionamento individuale nell'uomo. Una forma di dominio ben architettata per dimostrare ad ogni costo quanto siamo piccoli e miseri nell'universo, mentre in realtà è esattamente il contrario...

Dal canale di Luigi Baratiri

Consiglio la visione completa, seppur medio-lunga per capire fino in fondo tante cose che non tornano in ciò che ci viene insegnato e spiegato fin da piccoli...

MODESTE CONCLUSIONI

 

Tutto cambia e tutto evolve di generazione in generazione. La maggior parte dei piu' grandi artisti nella loro vita non vennero apprezzati. I piu' grandi scienziati vennero riconosciuti dopo decenni. In vita spesso furono guardati con sospetto, derisione o ancora peggio, infangati o esiliati. Eppure tutto muta e scorre come l'acqua. Ognuno di noi, in fondo in fondo, sa a cosa credere e tutto il resto rimarrà in sottofondo. 

LA VERITA' ATTRAVERSA SEMPRE TRE FASI:

PRIMA VIENE RIDICOLIZZATA, POI VIOLENTEMENTE CONTRASTATA, INFINE ACCETTATA.

Ribadisco il concetto che l'uomo ha bisogno di stabilità mentale e di concetti semplici su cui basare la propria vita. Il cambio di opinione, di idee, come ogni cambiamento porta frustrazione, stress e dolore nel nostro animo. Eppure da tutto ciò ci riabituiamo sempre...

E ci riabitueremo anche stavolta...

Ci andranno decenni, forse secoli, ma prima o poi il mondo sarà popolato da persone che avranno chiuso questa diatriba millenaria e dimostrato che viviamo su un piano stabile, piatto e fermo. E' il firmamento che gira attorno a noi come un caleidoscopio. Allora, in quel mondo, si riderà di noi, creduloni di false prove digitali montate ad arte per evidenziare che siamo una nullità. Secondo questo SISTEMA MALATO, altro non siamo che una pura casualità nell'universo e che siamo alla deriva, in un moto di rotazione e rivoluzione infinita...

NOI SIAMO UNICI E SPECIALI E NEL CAOS INCOMPRENSIBILE DELL'UNIVERSO, SIAMO NOI LA COSTANTE FISSA, UN PUNTO DI RIFERIMENTO PERFETTO.

 

Simone Merlo

dicembre 2019