MISTERI e SEGRETI dal MONDO

MENU ARTICOLI tasto nero ⬇️

MISTERI e SEGRETI dal MONDO

MENU ARTICOLI tasto nero ⬇️

Isola di Seto, Giappone. Le rocce sull'oceano paiono piangere liquido blu fluorescente. Il fenomeno dura pochi minuti di notte dovuto all'emissione di luce biochimica degli "UMIHOTARU", piccoli animaletti di mare tradotti come "Lucciole di mare"

Eventi Naturali spontanei e messaggi ignorati

 

A volte vengono fatte delle scoperte assurde, slegate da ogni logica. 

Abbiamo analizzato in "PIOGGE INSPIEGABILI" ad esempio il fenomeno ripetuto di come ogni tanto nel mondo non piova solo neve o acqua, ma pesci, vermi ed insetti. Vengono descritte altre bizzarrie in altri articoli. ( ad esempio i cerchi nel grano o i resti di scheletri giganti che prima o poi abbatteranno il massonico darwinismo

L'ignoto da sempre ci affascina.

Difronte ad eventi o luoghi misteriosi o rabbrividiamo scappando o ci ridiamo su o affrontiamo seriamente qualcosa che sappiamo va ben oltre la nostra umana comprensione. 

Lasciando perdere fake news e centinaia di bufale, analizzeremo fenomeni naturali un po' inquietanti, che nonostante le spiegazioni scientifiche, lasciano dubbi e perplessità sul passato nostro e della Terra. 

Quelli sotto descritti sono fenomeni che personalmente mi hanno affascinato di più negli anni e fatto volare la mia immaginazione. E chissà quanti ancora il mondo ce ne riserva per il futuro!

LA TERRA E' UN LUOGO MERAVIGLIOSO !

 

Non finiremo mai di scoprire tutti i misteri che ci circondano.

La presunzione e la superbia umana non fa che evidenziare la distanza che ci separa dalla divina perfezione della natura.

 

 

SPIRALI CIRCOLARI nel CIELO. Sono state osservate nel nord europa, ma anche in Africa e in Russia. Spiegazioni ufficiali inequivocabili non ce ne sono. C'è chi afferma trattasi di portali dimensionali (vedere articolo "Buchi Neri e Stargate") Alcuni sostengono essere fenomeni riconducibili ad ufo. Altri li accreditano all'uomo come test missilistici o nuovi esperimenti ad onde elettromagnetiche ad alta intensità. Spesse volte queste spirali sono accompagnate da rumori assordanti come se venisse infranto il muro del suono.

TUONI E FULMINI. Repentini e imprevedibili. Con lampi e boati, assistiamo a questi spettacolari fulmini di Sant'Elmo, così ramificati come fossero capillari. In un temporale si sviluppano trilioni di terajoule. Se vi fosse il modo di imbrigliare la potenza della natura, l'umanità avrebbe energia gratuita per sempre. Nonostante incidenti mortali e danni non da poco, essi ci lasciano talvolta vere e proprie opere d'arte a terra: le sculture di fulgurite.

MINIERE GIGANTI. Naica, comune di Saucillo, Messico. In queste miniere vi sono straordinari cristalli di selenite che paiono quarzo immacolato. Sembra di essere sui resti di kripton, il pianeta di Superman. Calore fino a 50°C e umidità al 90% fanno si che il gesso presente disciolto nelle acque che affiorano, formi lentamente questi cristalli lunghi decine di metri e pesanti svariate tonnellate. La scoperta di tale giacimento risale ai primi anni 2000.

SFERA di FERRO GIGANTE. 3 metri di diametro e svariate tonnellate di peso. La datazione al radiocarbonio la fa risalire a migliaia di anni fa. Si trova nei boschi di Zavidovici, in Bosnia. E' frutto di un processo naturale sconosciuto e spontaneo? Sembra una palla di cannone ed è rimasta sottoterra per millenni. Si ipotizza ve ne siano altre sepolte e un team di ricercatori ipotizza sia una prova di tecnologia di civiltà antiche scomparse prima della nostra. Potrebbe essere stata anche un'arma utilizzata dalla stirpe di Giganti che dominò il nostro pianeta millenni prima di noi. (vedere articolo dedicato GIGANTI SCOMPARSI)

CASCATE di "SANGUE". Le "blood falls" si trovano nelle McMurdo Dry Valleys in Antartide. Alla vista queste colate paiono essere il risultato di un mattatoio nascosto a monte. In realtà ci viene spiegato essere una reazione al contatto dell'ossigeno da parte di acque salatissime ricche di ferro che sgorgano da sotto i ghiacci. Se invece fossero scorie piu' o meno tossiche delle stazioni internazionali di ricerca presenti a monte, nessuno probabilmente ne ammetterebbe mai la responsabilità.

Approposito di situazioni impossibili... In Antartide, da campioni di ghiaccio prelevato nelle stazioni di ricerca nel 1983, dopo piu' di trent'anni di ibernazione, sono stati decongelati e si sono risvegliati dei piccolissimi animaletti che paiono quasi alieni. Sono i TARDIGRADI. Vivi e vegeti, hanno deposto uova e sono in grado di riprodursi. Gli stessi di cui i giornali hanno parlato essere utili per inziare una colonizzazione sulla Luna in quanto in grado di resistere a temperature estreme. Nel mondo ogni anni vengono scoperte nuove razze e nuove specie bizzarre. Questa pare essere proprio "immortale" in quanto sopravvive a -100°C. Nessuna altra forma di vita conosciuta può farlo, nemmeno i batteri.

AURORA. Lasciando perdere i miti e le leggende norrene, questo incantevole fenomeno è visibile sia negli estremi paesi nordici prossimi al circolo polare, si in quelli che confinano con l'Antartide. E' un fenomeno talmente unico che pare veramente carico di misticismo. La fisica lo cataloga come effetto dello scontrarsi di nanoparticelle prodotte dai venti solari che colpiscono la nostra atmosfera e ne producono l'effetto visibile di notte. Il movimento è dettato dai forti venti alle elevate altitudini. Il fenomeno pare a tutti gli effetti elettrico, che potrebbe anche essere creato dall'elettromagnetismo terrestre. Quasi come fosse un'illuminazione romantica ad effetto "lampade di DENDERA" che fa presupporre un contatto creato da energia pura contro un confine trasparente non palpabile quale è l'atmosfera. Una prova fra le molte che ci indirizzano ad ammettere l'esistenza del firmamento inteso come CUPOLA che ci sovrasta (articolo dedicato Cupola Celeste)

"PORTA DELL' INFERNO" Soprannome azzeccato per descrivere il cratere di DARVAZA, situato nel nord del Turkmenistan. Si ipotizza che fosse il risultato di escavazioni alla ricerca di combustibili fossili. Nel 1971 per i timori che emettesse gas velenosi dal terreno venne incediato. Da allora brucia costantemente e mi chiedo quali sostanze rilasci nell'atmosfera che i venti portano ovunque nel mondo. L'esploratore canadese George Kourounis è stato il primo uomo ad avvicinarsi pericolosamente e tentare una parziale discesa.

YELLOWSTONE NATIONAL PARK, USA. Si estende su una superficie di oltre 8,000 km2 a ridosso di ben tre Stati ed è un parco meraviglioso. E' adagiato sopra un enorme vulcano sotterraneo e filmografia apocalittica a parte, esso raccoglie in se vegetazione disomogenea fra boschi, cascate, geyser e ambienti quasi desertici. Il lago più suggestivo che pare un arcobaleno di colori è il Grand Prismatic Spring che attira numerosi turisti ogni anno. Alla vista suggestiva, pare di essere su un altro pianeta.

Lago ROSA Hiller. 600x250 metri circa. Ecco le dimensioni di questo spettacolare lago. Si trova sulla Middle Island, nell'arcipelago Recherche a sud ovest dell'Australia. La sua bellezza si apprezza ancora più dall'alto fra la sabbia chiara, la fitta vegetazione verde circostante e il blu dell'oceano. La particolarità è che la colorazione così accesa ed uniforme non fa trasparire nulla dal suo fondale. È frutto della presenza infestante di una microalga salina chiamata Dunaliella. È un luogo ideale da fotografare ma forse anche un luogo perfetto per occultare qualsiasi cosa classificata dagli occhi indiscreti dei satelliti.

MARE o LAGO? Entrambi! La calma piatta del lago Sorvàgsvatn nelle Isole Faroe che si contrappone a pochi metri dall'impeto del Mare del Nord. Quante e quali sono le cause che determinano maree e onde? I venti, l'interazione della Luna, i costanti microterremoti nel mondo? Di sicuro non il movimento terrestre, perché se esistesse davvero allora le onde le osserveremmo in qualsiasi specchio d'acqua. Altro bel dilemma per la Scienza da snocciolare...

BOLLE di GHIACCIO irregolari. In alcuni laghi più settentrionali negli stati canadesi, in inverno si osservano le fredde acque con cumuli di bolle gelate sotto la superficie. Sembrano delle meduse in quanto è presente un delicato movimento. La spiegazione più semplice è che tale fenomeno è prodotto dalle costanti e lente fuoriuscite di gas naturale dai fondali. In primavera quando scongelato, il gas viene liberato e si disperde. Ovviamente è potenzialmente nocivo e infiammabile. C'è solo un dubbio in questa spiegazione ufficiale: come fa un gas a ghiacciare? Se raffreddato a oltre - 161 gradi °C esso si liquefa. Il GPL spontaneo in natura non esiste e di sicuro la temperatura dell'acqua circostante in inverno sfiora "solo" zero gradi. Mah, non sono fisico, non sono chimico, non sono un ingegnere, ma qualcosa non mi convince...

GEYSER NATURALI. Presenti in diverse aree della Terra, sono fenomeni spettacolari. Sacche d'acqua che rimangono intrappolate da falde sotterranee che vengono riscaldate dall'energia geotermica terrestre. L'acqua riscaldata aumenta di volume e pressione fino ad esplodere in grandiosi spruzzi più volte al giorno. Il più antico e conosciuto Geyser è il GEYSIR (eruttare) situato nella valle di Haukandalur nell'Islanda del sud. Osservarlo è uno dei numerosi esempi della potenza della Natura.

PIETRE SFERICHE assurde. A Moeraki a sud di Oamaru in Nuova Zelanda, sulla costa si trovano dei grandi massi sferici mischiati in mezzo a rocce irregolari. Pesano diverse tonnellate e ancora non è chiaro se appartengano a qualche antica civiltà scomparsa o se siano il semplice frutto di erosione di acqua, sabbia e vento. La prima ipotesi fa ipotizzare che nei millenni precedenti a noi, l'uomo antico non disponesse di tecnologia in grado di plasmare in maniera così uniforme una roccia (o invece si?) La seconda ipotesi non regge perché non possono essere state trasportate da correnti oceaniche e nemmeno erose in quanto altre rocce della stessa composizione a fianco sono proprio di forma dissimile e irregolare.

ROLLING STONES, ovvero le pietre rotolanti. Esse si trovano nella Death Valley, un'area desertica fra il Nevada e la California, USA. Queste pietre si spostano da sole, ma solo di notte. Alcune pesano diversi quintali. Molti studiosi affermano che i forti venti serali siano in grado di far muovere questi massi. Il dubbio verrebbe lo stesso anche se fossero sferici e il suolo meno irregolare. La loro forma produce attrito, il suolo non è uniforme, e venti a oltre 100 kmh non credo possano muovere quintali a terra. Alcuni ridicolizzano tale fenomeno accusando siano i ranger che li spostino di notte per attrarre turisti in questo parco riserva naturale. La Nasa si è esposta dichiarando che le forti oscillazioni termiche fra giorno e notte sono la risposta. Ghiacci del sottosuolo slittano e fanno muovere il terreno lentamente. Non è convincente che vi sia del ghiaccio appena sotto la superficie desertica, il permafrost lo troviamo in Groenlandia ad esempio, non di sicuro in California. Inoltre movimentazioni di placche creerebbero boati dovuti a terremoti, che non vengono appunto nemmeno registrati. L'imprevedibilità del movimento più o meno lungo lo fa apparire come se qualcuno o qualcosa volesse lasciarci un messaggio cifrato o volesse semplicemente giocare con noi facendoci scervellare.

Tenerife, isole Canarie, Spagna. Il suolo rossiccio e semidesertico offrono all'escursionista la sensazione di camminare su un altro pianeta. Pare di essere su Marte o sul suolo lunare. Sarebbe l'ideale per riprese cinematografiche o documentari di agenzie spaziali, ma forse ciò è già avvenuto diversi decenni fa...

TERREMOTI. Fenomeno agghiacciante inaspettato ed imprevedibile che ricorda costantemente all'uomo quanto sia fragile e debole rispetto alla Natura. Non vi è giorno nel mondo che non vengano registrati terremoti. Essi possono creare tsunami negli oceani che si abbattono sulle coste facendo scomparire tutto sotto di loro. Sono in grado di piegare un paese radendo al suolo intere città e uccidendo migliaia di persone in un attimo come una bomba atomica. La Terra è viva e respira e le dinamiche dei suoi assestamenti e movimenti sono ancora un mistero che la Scienza non sa spiegare completamente.

DUNE MARRAKESH. Fra tante aree desertiche nel mondo, esse offrono una vista emozionante, ma anche profonde riflessioni. Immaginiamo un tempo lontanissimo dove forse furono i letti oceanici in una Terra molto diversa da oggi. Pensiamo a quanto l'uomo senza precauzioni, aiuto ed accorgimenti difficilmente sopravviverebbe nel deserto. Nella notte le temperature scendono pericolosamente sotto zero e di giorno arrivano a +50°C

Provincia di Guizhou, sud est della Cina, relativamente vicino al confine vietnamita. In quest'area rurale e montana esiste un parco naturale dove dal Monte sacro Gandeng fuoriescono spontaneamente da tempo immemore, delle pietre lisce e perfette di varia misura. Sono sospinte così lentamente dal substrato roccioso, che impiegano anche trent'anni per affiorare completamente e cadere a terra. Le pietre sono di forma ovoidale e non presentano caratteristiche morfologiche o molecolari particolari. La zona è divenuta meta di pellegrinaggio delle popolazioni delle province limitrofe. Geologi da tutto il mondo sono accorsi per studiare il fenomeno e a parte qualche ipotesi nemmeno degna di nota, non resta che immaginare che sia anch'esso una sorta di messaggio cifrato da parte di qualcosa o qualcuno. Per chi ride, si aggrappi pure al saldo albero della spontaneità caotica della Natura.

LAMENTI RIPETITIVI INQUIETANTI. In prossimità della famosa Fossa delle isole Marianne nel Pacifico si può udire un suono mostruoso da far gelare il sangue. In quest'area a nord di Guam, ricercatori naturalisti e ambientalisti della Oregon State UNIVERSITY, durante una missione nata per studiare i comportamenti e i percorsi delle balenottere, hanno captato con sonar ed idrofoni immersi a 1,000 metri, un suono forte e ripetitivo della durata di alcuni secondi. Quel rumore pareva emergere dalle profondità degli abissi ed è stato soprannominato "Western pacific biottwang". Gli strumenti attuali per effettuare tali misurazioni non possono raggiungere il fondale come i batiscafi e le capsule. Ufficialmente viene spiegato come richiamo fra le balene, ma là sotto, a 11,000 metri di profondità, nulla è scontato in quel buio pesto soffocante. I pochi uomini che ebbero l'opportunità di scendere sul fondale, si limitano al riserbo e descrivono entusiasticamente un luogo incontaminato che brulica di vita ma nulla di più. (vedere articolo dedicato BERMUDA e MARIANNE)

POZZO di KOLA, vicino alla cittadina di Zapoljarnyj, penisola di KOLA, Russia. Non è l'unico superpozzo profondo che l'uomo ha eseguito per bucare il più possibile la crosta terrestre. I fini sono di studio scientifico o per ricerca di combustibili fossili. È stato trivellato per anni e dismesso all'improvviso nel 1989. È profondo 12,262 metri e largo 23 centimetri. Fuoriesce un calore di 180 gradi, mentre al fondo è stato registrato a circa 1,000 gradi. Questo esperimento "gara" ha dell'inquietante. Si dice che gli operai udirono dei lamenti umani come delle grida risalire dalla profondità e dovettero essere allontanati e trattati con farmaci sperimentali per cancellarne la memoria. Per parecchio tempo l'isterismo estremo religioso accusò l'uomo di aver raggiunto le porte dell'inferno e di aver liberato demoni e maledizioni sul mondo. Testimoni dell'epoca sono irreperibili e il governo russo è rinomato nel mondo per sigillare i segreti dietro a una potentissima censura. Come già detto, nel mondo vi sono almeno altri 4 o 5 pozzi del genere eseguiti da compagnie petrolifere. Ogni mito o folklore, si basa su una possibile verità.

CERVELLO UMANO: Tutto e Niente. Per ultimo in questo articolo, ecco l'elogio al regalo più grande fra tutti i misteri. Esso è ciò che siamo, è l'essenza della vita per come la concepiamo. Racchiude bioelettricità che governa il nostro senso etico, la nostra personalità, il carattere e il formarsi della morale. In esso vi è l'istinto di sopravvivenza e la determinazione. È un infinito magazzino di ricordi ed emozioni. Ci sono sogni, paure e forse un cumulo nascosto di esperienze di vita precedenti. È un organo unico che ci permette di muoverci e percepire la realtà e il tempo. Grazie al suo sviluppo creiamo e creiamo senza sosta per tutta la vita. Ci spinge verso l'arte, la conoscenza. Ci spinge verso gesti eroici e spontaneo altruismo. Putroppo è in grado di malfunzionare e di generare e far commettere azioni mostruose. È forte. È indipendente. Putroppo sa essere anche fragile e diventa facilmente schiavo di abitudini. E la nostra società ne è una prova. ALLENIAMOLO, NUTRIAMOLO, STIMOLIAMOLO. È l'unico bene reale che possediamo perchè in esso forse si cela la nostra ANIMA IMMORTALE.

 

Ad ogni fenomeno irrazionale vengono associate spiegazioni scientifiche per inquadrarlo in un contesto. Noi uomini abbiamo bisogno di schemi, regole e certezze. 

Alcune risposte paiono esaustive, ma la Verità è che conosciamo ben poco di questo mondo. Ci siamo adattati, ma non ci appartiene.

 

E voi avete dei suggerimenti per ampliare questo argomento? 

 

 

Simone Merlo

gennaio 2020