MISTERI e SEGRETI dal MONDO

MENU ARGOMENTI tasto nero ⬇️

MISTERI e SEGRETI dal MONDO

MENU ARGOMENTI tasto nero ⬇️

La nostra civiltà si trova ad un bivio. La nostra epoca subdola ci sta consumando inutilmente energie. Dove andremo?

L' ASCESA, L' EQUILIBRIO, LA CADUTA

 

Sappiamo veramente capire a che punto siamo arrivati ? 

Una lenta cecità progressiva ci affligge, aggravandosi nei secoli... Siamo sempre gli stessi...

DOVE VIVIAMO ?

Un mondo che fu perfetto ed ora è malato. Rovinato ed alterato dall'insistenza dei nostri comportamenti distruttivi. 

Inquinamento, nucleare, elettromagnetismo, chimica e guerre che ci condurranno alla rovina... 

Le masse seguono ignare loro stesse, manovrate da governi a loro volta diretti da pochi sconosciuti nell'ombra... 

Chi ci guida verso il futuro maschera bene le clausole e gli schemi economici.

INVIDIA - PREVARICAZIONE - RICATTI COMMERCIALI - RANCORE - DOPPI, TRIPLI E QUADRUPLI GIOCHI - VIOLENZA OCCULTA - RAPIMENTI - SPIONAGGIO - INDEBITAMENTI NAZIONALI PILOTATI - SFRUTTAMENTO - SCHIAVITU' LEGALIZZATA - EGOISMO - SMODATA COMPETIZIONE - RICATTI -  DEMAGOGIA - INFORMAZIONE CONTROLLATA - CENSURA MASCHERATA - IPOCRISIA - TERRORISMO PSICOLOGICO E NON - altro ?!?

Un mondo che vanta il libero mercato e la globalizzazione distruggendo storia e sovranità dei paesi, mettendo in competizione governi, aziende e persone e  facendoli spingere al limite fisico e mentale. 

Tutto è esasperato, tutto è rapido, frenetico e ossessivo.

Pochi tentano di contrastare e denunciare questo SISTEMA che ci ha divorato da dentro. Questo  SISTEMA sta distaccando la spiritualità dell'individuo, il buonsenso e l'amore, creando una voragine insaziabile di sfida, gli uni contro gli altri.

Questo argomento è affrontato in diversi articoli nella sezione COMPLOTTO GLOBALE.

Apriamo gli occhi, i nostri poveri occhi inebetiti dalla troppa televisione, dai troppi videogames, dai social, da tutto ciò che sembra appagarci e farci rilassare, ma è esattamente il contrario. Tutto ciò ci sta limitando, ci fa innovervosire, ci stressa. Soprattutto ci fa occupare appositamente il nostro poco tempo libero. E noi non facciamo che lamentarci che non ci basta mai. Tutto scorre troppo rapidamente... Questa imposizione ci tiene impegnati e ci indebolisce lentamente, come una malattia. Il poter comunicare liberamente in ogni secondo della nostra vita non è piu' potenzialità e libertà. E' ossessione, è una droga che tiene il cervello troppo attivo. Troppi INPUT tutti insieme e ripetitivi non ci fanno bene. Sapete benissimo a cosa alludo. Alle costanti notifiche di mail, di whatsapp, dei vari social network... Se ne parliamo a voce  con qualcuno siamo però subito pronti e lucidi a sottolineare con fervore che non è così e che basta sapersi ponderare... (  MECCANISMO AUTOMATICO DELLA DIFENSIVA e DI RISULTARE SUPERIORE ALLA QUESTIONE ) E subito dopo, dentro  di noi sappiamo che è vero e che il TEMPO ci sta sfuggendo via... 

Non sono nessuno, ma è caduto il velo dai miei occhi e noto un mondo " inchinato " sempre su smartphone e tablet. Un mondo che tiene troppo la testa china, anzichè godere del contatto sensoriale di cui siamo dotati.

I rapporti si logorano, si moltiplicano, si creano e distruggono. Tutto è esasperatamente veloce, tutto è complicato e tremendo. La tecnologia non sempre è una bene. La tecnologia aiuta, ma essendo troppa, ci rende pigri, demotivati e schiavi. Ci fa perdere interesse per questioni "alte" e per temi importanti. 

SPERO IN UN FUTURO MIGLIORE, IN UNA INVERSIONE DI ROTTA ...

Una piccola parabola:

Il “PRINCIPIO DELLA RANA BOLLITA” del filosofo americano Noam Chomsky è il principio secondo cui, la popolazione accetta la scomparsa dei valori tradizionali e consolidati con tutto ciò che ne deriva.

COME SI FREGA LA RANA ?

Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota una rana. Il fuoco sotto la pentola è acceso, e quindi l’acqua si riscalda lentamente. Dopo un po' diventa tiepida, ma la rana, trovandola piuttosto gradevole, continua tranquillamente a nuotare. Dopo qualche minuto la temperatura sale ancora e la rana si rilassa, e, pur trovando il liquido meno gradevole di prima, continua a non spaventarsi. L’acqua adesso è davvero troppo calda e la rana si è indebolita, non ha la forza di reagire. Sopporta e non fa nulla mentre la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana muore bollita. Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° sicuramente sarebbe balzata subito fuori dal pentolone." È una storiella che rende più facile la comprensione della terza delle dieci strategie della manipolazione delle masse brillantemente elaborata da Chomsky che testualmente scrive:

"Per far accettare una misura inaccettabile basta applicarla gradualmente, col contagocce, per mesi ed anni consecutivi"

È in questo modo che condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberiste) e sempre peggiori furono imposte in Italia e nell'UE durante i decenni degli anni ‘80 e ‘90:

*Stato minimo* *Privatizzazioni* *Precarietà* *Flessibilità* *Disoccupazione di massa* *Salari che non garantiscano più redditi dignitosi.

Tutti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta; ma sono stati progressivamente e subdolamente imposti con il passare degli anni. 

Ecco la lista completa di Chomsky:

1) La strategia della distrazione 2) Creare problemi e poi offrire le soluzioni 3) La strategia della gradualità (rana bollita) 4) La strategia del differire 5) Rivolgersi al pubblico come ai bambini 6) Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione 7) Mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità 8) Stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità... 

La prossima ERA non potrà essere cosi: dovrà essere meglio di cosi !

 

 

Simone Merlo

febbraio 2020

Stereotipo? Esagerazione? Sempre più individui cadono nell'eclissarsi individualmente fra serie TV, social, gaming... Ciò porta squilibrio nei rapporti interpersonali e familiari. È preoccupante perché ne siamo consapevoli e affermiamo che possiamo smettere quando vogliamo: esattamente come una droga...

AMITAV GHOSH "La grande cecità". E' una riflessione obbiettiva sullo sconto che stiamo iniziando a pagare per i nostri comportamenti. Un monito per cambiare, per le future generazioni. Un altro avviso che ci fa riflettere tanto quanto Greta Thunberg a suo modo o il Dalai Lama...